Tommaso Campanella, Ateismo trionfato, p. 121

Precedente Successiva

ultima medicina tra gl’huomini, sendo contra natura combatter
contra la medesima spetie, fecero per principale scopo
loro, come li Lacedemoni ancora, notati da Platone e da Aristotele.
Vinsero il mondo con l’armi, e poi fur vinti da christiani
senza armi, e fu posto in Roma il tribunal di Christo, e
gittato a terra quello di Romulo e di Numa, e di Cesare mutato,
perché la verità senza armi quanto è più afflitta vince, e
tutte le possenti Nationi fur domate dall’impotenti con la religione,
come i Gothi, gl’Hunni, Vandali e Tartari.

Ogni gente et ogni cosa humana è preda degl’huomini armati,
e poi l’armi son preda delli scientiati in religione, ancor
che trista, poi che li Turchi e Tartari fur preda dopo le vittorie
loro delli sacerdoti di Macometto.

/La legge di Macometto è pur su la gloria dell’arme fondata,
e benché tenga qualche moralità, fa però gl’huomini crudi
et ignoranti, permette molti vitii fin alla sodomia con strani;
pone schiavitudine in luoco di libertà, nega il libero arbitrio,
dunque fa l’huomo bestia o schiavo. Né republica si può fondare
in questa legge, ma sempre tirannia assoluta. Dona un
paradiso carnale e favoloso, et a sfrenar le voglie humane è
potentissima.
La moltitudine di mogli, benché non sia contra
natura mentre li patriarchi pur la tennero, pure è di poco
giovamento alla prole, e pone guerra tra le donne, e le fa troppo
vili e schiave. Le obligationi a molte cerimonie, lavande e
distintion di cibi, han del superstitioso assai, e del impossibile,
e son più tosto di gente particolare e fanciullesca che di

Precedente Successiva

Schede storico-bibliografiche