Tommaso Campanella, Lettere, n. 123

Precedente Successiva

AL CARDINAL NIPOTE FRANCESCO BARBERINI IN ROMA

Parigi, 3 luglio 1635

Eminentissimo e reverendissimo signore, padrone colendissimo,

le cose che qui occorreno vanno scritte al signor Contestabile e al signor
Conte di Castelvillano; a Vostra Eminenza no, perché li Nunci avvisano forsi
meglio, ma non più fedelmente che io, che sto qua per casa Barberina più
che per me, come può veder da uno scritto aforistico, che mandai a Sua Beatitudine,
e dalla Comparsa reggiamandata al signor ambasciatore Novaglia,
pregato che la mostri. E quella porta il vero mezzo di quetar li lamenti di
tutti, e le querimonie di Spagnoli contra Sua Beatitudine; la qual per mezzo
del Conte mi fe’ assapere ch’io non istampi i suoi poemi col mio Commento;
e ha ragione, finché Dio muta il secolo in cui dura la persuasione di Rodolfi,
quando m’invidiavano i favori di Sua Beatitudine sostentati con quello scrivere
ecc. Sappia che vado tirando questi signori a credere che Vostra Eminenza
nonè spagnolissima, come dicono, ma di commun padre strumento
primo; e anche li dottori massimi al senno romano in quel che discrepano.

Nondimeno monsignor Bolognetti [mi tratta] come s’io fossi vostro nemico,
non li bastando ch’io per otto mesi ho obedito a quanto esso volea,
ch’io non stampassi, pensando che stampavo contra Spagnoli e che scoprivo
la causa perché han fatto morir Pignatello, per consulta di Rodolfi, affin
dicesse contra me trattante in Roma contra il regno loro ecc. Il che Vostra
Eminenza sa ch’è falsissimo; ma, dopo che mi vennero li scritti e li donai a
veder alla Sorbona, dottissima e piissima academia regia – quelli che non
erano approbati ancora in Roma – e mostrai la Filosofia razionale, approbata
dal Sacro Palazzo e dal Reggente di Santi Apostoli e dal Maestro di studio
della Minerva e dal Padre maestro Bartoli ecc.

E con tutto ciò, a nome di Vostra Eminenza, disse ch’io non li stampassi,
benché approbatissimi; né li bastò dirlo a me, ma andò al Guardasigilli del
Re a far instanza che non mi desse il privileggio. E scandalizzò tutti signori e
dottori volendo soggettare la censura romana alla francesa, e mostrando
spagnolescamente perseguitar me, non la dottrina già approbata e con utile
della Chiesa. Qua ci son assai ateisti; e ’l mio libro Contra atheos è cercato
assai, ed è stampato in Roma coll’imprimatur e ’l publicetur; e volevo ristamparlo
con la censura che Sua Beatitudine mi donò in quel che alla bolla paresse

contrariare e insieme stampar volevo la questione fatta in favor della
bolla, mandata a Nostro Signore per man del signor cardinal Orige, qui assai
necessaria; e pur il Nuncio non ha voluto, e io l’obedivo. Ma lui, di più,
ha voluto andar al Guardasigilli per svergognarmi a nome di Vostra Eminenza,
ha svergognato se stesso. E, di più, ha fatto credere che lui spagnolizza
come creatura di Vostra Emìnenza spagnolissima.

Con tutta ciò, io provai colla lettera che va al signor Mazzarini, che Vostra
Eminenza solo intendea trattenermi di stampar i poemi di Sua Beatitudine,
com’è vero; e ho dato i libri approbati alle stampe; e vado al Re in
Fontanablois questa simana a dirli che dentro le viscere del regno, dove promise
difendermi Sua Maestà da tutto il mondo, pato più torto che in Roma,
donde la persecuzione m’ha disterrato. Perché a ognuno è lecito stampare
con licenza di superiori in Roma e per tutto; e a me li libri stampati in Roma
e l’approbati qui e in Roma non si concede. Vostra Eminenza, di grazia, lasci
di credere ch’io sia più ignorante e più tristo del Padre Mostro e del Padre
Ridolfi, e conosca ch’io sempre più son per la Chiesa, quantunque perseguitato
più, e l’opinion mie son di santi Padri e della natura; e che fatico
per il ben publico, e però non ho requie; e che tutti santi, Agostino, Ieronimo,
Atanasio, Crisostomo ecc., passâro per il medesimo camino, e quanti
apportâro miglioramento al mondo fûr crocifissi e poi resuscitâro, tanto
profeti, quanto filosofi, quanto dottori, e san Tomaso stesso fu condennato
da’ parisiensi dottori in più che quaranta proposizioni, e poi ecc.

Levisi Vostra Eminenza questi pensieri contra me e non dia questi princìpi
di persequitar i vostri servi veri a quei che pescano cardinalati e grandezze
dalla vostra voluntà; e lo fanno indiscretamente. Non voglio scrivere
in che stima è il vostro Bolognetto, né che personcelle tiene in Corte con
scandalo ecc., e quanto poco onor fa a’ padroni. Non mancano uomini dotti
e santi nel mondo e in Roma. Né trovai alcun di tali che mi fosse contra. Io
aspettarò che Vostra Eminenza scriva che lasci di molestarmi a torto e a nome
vostro, né voglio altro; e parlarò col Re senza dir male ecc. e con gloria
di Vostra Eminenza sempre, come l’ho fatto contra tutti contradicenti,
quando gli altri vostri taceno per non guastarsi la menestra ecc.

Resto con obligo infinito a Vostra Eminenza, e la prego che mi tenga per
omo che osservo quel che scrissi in Moralibus ecc., né lascio l’ingenuità mia
in preda dell’indiscrezione. Le bacio le sacre vesti umilmente.

Parigi, 3 luglio 1635.

Di Vostra Eminenza
servitore obligatissimo, divotissimo
Fra Tomaso Campanella

Precedente Successiva

Scheda informativa

Schede storico-bibliografiche