Tommaso Campanella, Lettere, n. 59
Manoscritto

Precedente Successiva

AL CAVALIER CASSIANO DAL POZZO IN ROMA

Napoli, 20 luglio 1624

Molt’illustre signor osservandissimo,

non vede poco con l’occhio dell’intelletto Vostra Signoria molto illustre,
poiché è andata buscando per tutto quel ch’il Senno divino per me, suo vile
strumento, soggerisce al mondo; e dentro alle fosse e luoghi di tormento ha
penetrato con che tranquillità d’animo vittorioso sto trattando la causa del
Senno eterno a beneficio del mondo, qual io richiamo alla scola sua e non degli
uomini, chi per tal causa mi fan guerra, come il secolo sequente conoscerà.
La ringrazio di questo studio e la supplico che s’adopri che vengano in abondanza
libri assai, e quanti sono stampati. E perché Favilla tiene la lista di tutte
l’opere che ho fatte – e già finii l’ultimo e trentesimo libro della Theologia,
ch’è de saeculis saeculorum –, potrà ella col signor Scioppio e altri amici trattar
la stampa di questi, che io dedico a nostro signore Papa, e così di quelli che
son in Roma, animando la pusillanimità di chi m’aiuta, in particolar di Favilla
nostro, che, quando non arriva subito al suo disegno, si dispera o s’arresta ecc.

Io assai desidero trovarmi in Roma nell’anno santo per cosa molto giovevole
a santa Chiesa: e però replico a Vostra Signoria che non aspetti Favilla
né altri, ma che subito e continuatamente negozii d’aver licenza dal Padre
generale o dal cardinal Borghese, protettore del mio Ordine, che possa
venir in Roma fra Dionigi di Castelvetere, mio discepolo in ogni scienza, e
massime in teologia, di cui Vostra Signoria averà gran gusto ecc., perché lui
negoziarà meglio ch’un secolare; e di più aver la lettera del Padre reverendissimo
generale al Re Cattolico, che mi dimandi a nome della Religione. E
questo sia subito, avanti che si parteno gli aiuti che tengo in Ispagna.

Resto al suo comando di tutto core, e m’allegro della benignità sua verso
me e del buon sentimento ch’ha delle virtù e scienze non volgari. M’avvisi
che libri tiene di miei, e come sono bene stampati, e se ci è annotazione.

A Dio, che sia tra noi. Amen.

Napoli, 20 di luglio 1624.

Di Vostra Signoria molto illustre servitore affezionatissimo
Fra Tomaso Campanella

Precedente Successiva

Scheda informativa

Schede storico-bibliografiche